Tra i vari programmi che abbiamo pensato di realizzare, quello dedicato a mantenere vivo il legame con le tradizioni attraverso la valorizzazione delle esperienze delle nostre nonne e dei nostri nonni che in Veneto con affetto chiamiamo i nostri veci rappresenta un punto di nostro grande impegno.
Per tradizione intendiamo la consuetudine di trasmettere memoria di usanze, eventi, costumi e pratiche condivise dai predecessori.
Un tempo queste consuetudini venivano affidate alle generazioni successive tramite passaggi naturali, resi semplici dai ritmi di vita più lenti e comuni.
Oggi giorno corriamo tutti e siamo fortemente proiettati verso il futuro.
Il rischio di perdere la memoria di tutte quelle usanze, eventi, costumi e pratiche che non solo han contribuito a definire la nostra identità culturale, ma che pure ci potrebbero essere utili ad affrontare la vita e farci sentire parte di una comunità più vasta, è alto.
Ecco che allora non possiamo perdere l’opportunità di avvalerci dell’esperienza delle nostre nonne e dei nostri nonni, per mantenere vivo il legame con quanto è già divenuto un sapere collettivo.
Abbiamo per questo pensato di organizzare degli incontri in cui le nonne e i nonni possono trasmetterci un po’ delle cose che conoscono o che sanno fare: storie, usanze, pratiche, capacità.
Condividere del tempo in incontri organizzati anche in luoghi dove tante nonne e nonni hanno trovato una loro nuova casa come il Centro Don Vecchi, e dove in cambio del loro sapere e saper fare i giovani, che parteciperanno, motivati ad apprendere, sapranno a loro volta ricambiare proponendo qualche gioco e passatempo.